fbpx
Scroll to top
© 2020, Hacrea, Per i creatori
Share
fr en it

Lusso quotidiano: Cucina in stile orientale


hackrea - 20 Febbraio, 2020 - 0 comments - 25 visualizzazioni

Il mondo luminoso e colorato dell’Oriente si adatta perfettamente agli interni di appartamenti e case moderni, introducendo qualcosa che è così carente per una persona moderna: la ricchezza di colori, sapori, sensazioni ricche.

Tipi e caratteristiche del stile orientale

Dopo aver deciso di progettare una cucina in stile orientale, devi prima capire quale tipo di stile orientale è più vicino e più attraente per te:

  • India;
  • Giappone;
  • Cina;
  • Turchia;
  • Marocco;
  • Arabia Saudita.

I designer dividono condizionatamente lo stile orientale in arabo e asiatico, che hanno le loro caratteristiche. Tuttavia, in generale, lo stile orientale in cucina può essere identificato usando i seguenti suggerimenti di progettazione:

1.Usare solo colori brillanti e naturali. Le tonalità di marrone e verde hanno la priorità. Come vengono applicati gli accenti tonali necessari:

  • l’oro e l’intera tavolozza del giallo;
  • arancia;
  • turchese, blu intenso, zaffiro;
  • rosso – da scarlatto a vino.

2. Creando uno stile orientale, la cucina può essere ricostruita usando modifiche architettoniche:

  • soffitto a cupola;
  • per l’interno indiano, le tende tessili che dividono lo spazio della cucina sono adatte, per il stile cinese – paraventi e pareti divisorie chiare;
  • gli archi sono indispensabili per il design arabo, perché creano la giusta atmosfera, sono utilizzati nella progettazione di finestre, porte, nicchie;
  • linee geometriche chiare e forme rettangolari in stile arabo;
  • nella direzione asiatica, al contrario, è necessario aderire a linee rette, forme semplici, per limitare la ridondanza e la vivacità.

3. I materiali di decorazione naturale aiutano a mantenere lo spirito indimenticabile dell’Oriente. E sebbene ogni paese abbia il suo approccio alla decorazione di pareti, pavimenti e soffitti, lo stile orientale implica materiali di alta qualità e delicatezza del lavoro.

Design della cucina in stile orientale: tendenze generali

L’interno asiatico è più contenuto nel colore, nella trama, mentre l’arabo è lussuoso e luminoso. La direzione del design dovrebbe essere scelta in base all’area della cucina: più piccola è la stanza, più interno dovrebbe essere calmo.

Il soffitto in stile orientale può essere progettato in diversi modi:

  • semplicemente dipinto di bianco, ma ben allineato e con un bellissimo lampadario al centro;
  • dipinto con vernici impermeabili;
  • il muro a secco aiuta se il soffitto è estremamente irregolare, puoi creare una composizione a più livelli e persino una cupola;
  • il soffitto sarà decorato con modanature in stucco, rivestimenti in gesso, strutture in modanature;
  • adatto a tutti gli stili, travi in legno o doghe.

Il pavimento più spesso scelto è il parquet, il laminato o il gres porcellanato. Negli interni etnici, il colore del pavimento è generalmente più scuro delle pareti e dei mobili.

Dopo aver studiato le foto luminose e colorate proposte, il design della cucina in stile orientale può essere sviluppato in modo indipendente. In questo caso, si deve tener conto del fatto che soluzioni speciali per la copertura delle pareti contribuiranno alla creazione di una caratteristica atmosfera orientale e di interni unici. Ad esempio, utilizzare i seguenti materiali:

  • pannelli di legno a un terzo dell’altezza della superficie;
  • doghe di legno sopra l’intonaco;
  • intonaco strutturato con l’aggiunta di scaglie di marmo;
  • soluzione universale – piastrelle di ceramica.

Per quanto riguarda le piastrelle che offrono molte possibilità di design, devo dire di più in un paragrafo separato.

Piastrelle da cucina in stile orientale così diverse

L’interno della cucina in stile orientale, è impensabile senza piastrelle di ceramica. La piastrella forte viene utilizzata per:

  • pavimento;
  • il paraschizzi dell’area di lavoro è necessariamente decorato;
  • pareti: in tutto o in parte, è possibile utilizzare il metodo di combinazione con superfici intonacate;
  • finestra o altre nicchie;
  • piano di lavoro o tavolo da pranzo;
  • davanzale.

Tuttavia, è necessario selezionare le piastrelle in base all’idea generale del design dello spazio cucina.

Giappone e Cina

Collezioni ideali di piastrelle che imitano la superficie ruvida di carta di riso o tessitura di bambù, cannucce. Per la progettazione di pareti della cucina, è possibile utilizzare grandi piastrelle di ceramica che creano l’impressione di pannelli di legno. Un’altra opzione è decorare l’area di lavoro con piastrelle raffiguranti crisantemi, fiori di sakura o con geroglifici che indicano buoni auguri.

La combinazione di colori della piastrella è contenuta, morbida. Si preferiscono tonalità naturali di marrone, beige e verde. Nell’interno cinese, la presenza di sfumature rosse e dorate è obbligatoria, in giapponese il colore nero aggiungerà un tocco interessante.

Marocco

Senza piastrelle, un interno nello spirito del Marocco è semplicemente impossibile. Il rivestimento in ceramica può essere selezionato in base alla combinazione di colori della stanza e dei mobili, le piastrelle sono disponibili in diverse combinazioni di colori, è possibile scegliere:

  • un colore – dolce, ma molto armoniosamente appare piastrella nei toni del marrone o del blu;
  • due colori – ad esempio bianco-nero, bianco-blu, rosso-blu;
  • multicolore.

I modelli nazionali non hanno poca importanza, in diverse collezioni sono presentate:

  • ornamenti vegetali;
  • modelli di elementi geometrici – quadrati, rettangoli, ottagoni;
  • con imitazione della calligrafia araba;
  • modello arabesco;
  • patchwork.

Rivestimenti in ceramica araba sono disponibili in diverse dimensioni, una minuscola piastrella zellij a mosaico iridescente con dimensioni di 6 × 6 cm sembra interessante ed elegante. Un’altra grande opzione per un arredamento da cucina è il design di un paraschizzi con piastrelle patchwork, che sono facili da montare a causa della combinazione orizzontale e verticale.

Turchia

Per decorare le superfici con piastrelle di ceramica, è possibile utilizzare motivi tradizionali “cetriolo turco” o ornamenti floreali. Per un interno più rilassato, sono adatte piccole tessere di mosaico in pietra invecchiate artificialmente.

Per rendere la cucina turca, è preferibile utilizzare le collezioni in ceramica in tali colori:

  • bianco;
  • blu, turchese;
  • smeraldo, malachite;
  • marrone, terracotta.

India

La ricchezza della gamma è semplicemente sorprendente, quindi, in una cucina di dimensioni modeste con piastrelle in stile indiano, è sufficiente finire solo una piccola parte del muro.

Tra le sfumature della cultura indiana, le più popolari sono:

  • rosso caldo;
  • rosa;
  • lilla;
  • arancia;
  • blu;
  • nero;
  • necessariamente d’oro.

Mobili e accessori

Qualsiasi stile etnico orientale richiede un adeguato accompagnamento di mobili. I prodotti in legno naturale, così come il bambù, il rattan, si adattano perfettamente. Va notato che la direzione asiatica gravita su semplici forme geometriche, leggermente banali di mobili. La parte della cucina può essere bianca, rossa o nera, i prodotti opachi sembrano belli, la sala da pranzo è realizzata in tono di bambù, il tavolo da pranzo è decorato con un inserto in vetro.

La versione araba dello stile ti consente di ordinare un set da cucina in legno costoso o imitazione di alta qualità, decorarlo con inserti forgiati o smaltati, intagli intricati, vetrate. Invece di sedie, puoi mettere divani bassi nella zona pranzo.

La cucina in stile orientale è necessariamente decorata con una varietà di oggetti decorativi.

Varietà di scelte: lampadari orientali per la cucina

Dopo aver deciso la direzione dello stile degli interni della cucina, è possibile procedere con la selezione dei dispositivi di illuminazione, dato che è necessario illuminare le seguenti aree cucina:

  • tavolo da lavoro;
  • parte pranzo;
  • bancone da bar;
  • oltre a fornire illuminazione generale.

Per comodità, le lampade a LED sono integrate nei mobili, i loro bordi dovrebbero corrispondere allo stile generale della stanza.

La cucina in stile orientale è dotata di faretti a LED: sono adatti per alcuni interni orientali, ma dovrebbero essere scelti con cura in modo che la forma e il colore degli apparecchi di illuminazione coincidano con il design generale.

Il lampadario centrale si adatta perfettamente a qualsiasi stile orientale e il faretto LED a parete contribuirà a creare un’illuminazione accogliente in diverse aree della cucina.

I produttori offrono una collezione diversificata di lampe, evidenziando in modo condizionale le seguenti aree:

1. Cinese – il più delle volte ha la forma di una palla, la preferenza è data al rosso con accenti d’oro. Un’ottima opzione è appendere sopra le lampade della sala da pranzo in carta ondulata con impregnazione.

2. Gli apparecchi di illuminazione giapponesi sono rettangolari, la cornice è in legno o plastica, coperta con carta lavorata o vetro smerigliato inserito.

3. Le lampade marocchine apportano immediatamente un tocco orientale agli interni. Le lampade in ottone hanno una forma sferica leggermente allungata che ricorda i minareti. Spesso decorato con mosaici in vetro, in rilievo, intagliato. Se le lampade sono piccole, sono sospese su catene sottili di più pezzi di fila. Una grande lampada ha un bell’aspetto, creando un centro visivo della cucina.

4. I corpi illuminanti turchi e arabi possono avere una forma cilindrica o rotonda. Sono realizzati in metallo forgiato o dorato, decorati con pendenti in cristallo, riccioli, tessuto. Possono essere posizionati singolarmente o multipli. Le lampade in ceramica decorate con intagli sembrano interessanti – i bellissimi inserti le rendono più leggere ed eleganti. La versione araba dello stile orientale è perfettamente supportata da lussuosi lampadari curvi a più binari con elementi in vetro. Un’altra opzione interessante è un lampadario con un ventilatore.

5. Le lampade indiane sono realizzate: in vetro, che rappresenta un piccolo mosaico multicolore; ottone argentato con rilievo; con paralumi intrecciati su supporti realizzati con stampa di elefanti e altri animali. La forma degli apparecchi di illuminazione varia da rettangolare a rotonda. Pertanto, gli apparecchi di illuminazione devono essere pratici in funzione. È preferibile scegliere prodotti in plastica, metallo o vetro che siano facili da lavare e asciugare. I rivestimenti in ceramica spesso raffigurano motivi floreali e geometrici nazionali, nonché fiori ed elefanti.

L’aspetto tecnico della cucina orientale

Per mantenere l’unità di stile all’interno etnico, è necessario scegliere i rubinetti giusti. In qualsiasi design orientale i rubinetti in rame o bronzo possono avere un bell’aspetto, un leggero rivestimento patinato migliora l’impressione dell’antichità.

Come lavello da cucina, è meglio scegliere prodotti in pietra, marmo o rame di forma rotonda.

Gli elettrodomestici da cucina moderni sembrano ospiti non necessari in una cucina decorata in uno squisito stile orientale. Pertanto, è desiderabile posizionare l’attrezzatura necessaria in modo che sia nascosta alla vista (nei cassetti, dietro le porte dell’armadio).

Related posts

Pubblica un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *