en it ru
Piani di lavoro in pietra: cosa è essenziale sapere?

Piani di lavoro in pietra: cosa è essenziale sapere?

Community - Giugno 2, 2021 - visualizzazioni 5 - 0 mi piace

I piani di lavoro in pietra sono la soluzione perfetta sia per la cucina che per il bagno. La pietra è molto più robusta, più resistente ai danni meccanici, all’umidità e alla temperatura, il che consente di utilizzarla molto più a lungo. Un piano di lavoro in pietra adeguatamente impregnato è anche più facile da pulire rispetto a un classico piano di lavoro in legno.

Piani di lavoro cucina in pietra

La scelta della pietra naturale per un piano di lavoro in cucina dipende dalle preferenze del cliente. In una cucina moderna sono perfette rocce come il granito, il porfido, il basalto e, in casi particolari, il marmo e il travertino (questi ultimi due sono meno resistenti allo sporco).

Ampie possibilità di lavorazione della pietra consentono di ottenere una varietà di effetti. Il metodo di sabbiatura appropriato darà una tonalità unica e un’ulteriore lucidatura e impregnazione del bagliore appropriato conferirà alla cucina un aspetto unico.

La pietra leggermente levigata rende il piano di lavoro sempre lucido e pulito.

Negli interni classici sono più adatti i piani di lavoro in pietra con una superficie leggermente lucida senza lucentezza. Tali piani di lavoro sono adatti per cucine in stile country inglese o francese; Puoi combinare la pietra non lucidata con accessori in mattoni e delicati accessori in legno.

Anche il conglomerato e la pietra ingegnerizzata stanno diventando popolari nei piani di lavoro delle cucine. Il conglomerato è una combinazione di quarzo e sostanze aggiuntive che migliorano le proprietà della pietra. La pietra ingegnerizzata è costituito da rocce granitiche frantumate con l’aggiunta di argille, flussi di feldspato e coloranti. Si ottiene così un piano di lavoro naturale e durevole, spesso rinforzato con una rete speciale. Il conglomerato e la pietra ingegnerizzata, a differenza della pietra naturale, si distinguono per un’ampia gamma di colori e una profondità di colore naturale.

Piani di lavoro bagno in pietra

La scelta della pietra decorativa per il bagno consente di creare una composizione unica. La giusta combinazione di pareti, pavimento e piano di lavoro con elementi in pietra soddisferà anche il cliente più esigente.

Grazie alle loro proprietà, i piani di lavoro in pietra sono perfetti per il bagno. L’elevata resistenza all’umidità, alla temperatura e allo sporco sono i vantaggi essenziali dei piani di lavoro in pietra utilizzati in bagno. Grazie a questo, non c’è bisogno di preoccuparsi che nel tempo il piano di lavoro si “gonfi” per l’umidità, si bruci quando mettiamo da parte la piastra calda, o che rimangano macchie gialle persistenti e sgradevoli dai cosmetici.

Perché scegliere un piano di lavoro in pietra?

Il piano di lavoro in pietra ha molte caratteristiche per esaltarne l’utilità, soprattutto nelle zone ad alto utilizzo, come la cucina e il bagno. La pietra, essendo naturalmente dura e resistente ai danni meccanici, la pietra serve per molti anni senza sostituire gli elementi danneggiati. Resistente anche al calore, non verrà danneggiato o scolorito. Quindi non devi preoccuparti quando ci metti una pentola calda.

Prima dell’installazione, ogni piano di lavoro viene anche impregnato con i prodotti chimici appropriati. Pertanto, uno strato protettivo si forma sulla superficie del piano di lavoro, penetrando nelle microfessure nella pietra e fornendo una protezione aggiuntiva. Il conglomerato e la pietra artificiale sono ugualmente stabili e acquisiscono un’elevata resistenza già nella fase di miscelazione e pressatura. La pietra è anche un ambiente ostile per i batteri, il che impedisce loro di crescere eccessivamente e limitarne la durabilità. Pertanto, non è necessario utilizzare potenti detergenti per mantenere una corretta pulizia.

La pietra naturale ha anche degli svantaggi. Quando si arreda un ambiente utilizzando un piano di lavoro in pietra, è necessario considerare il peso della pietra. Non è necessario scegliere piani di lavoro più spessi di 2–3 cm, poiché saranno troppo pesanti e richiederanno una particolare struttura portante che occupi molto spazio. Tuttavia, se vogliamo che il piano di lavoro appaia più spesso nel progetto, è possibile utilizzare distanziatori per bordi che imitano il lato del piano di lavoro o utilizzare un conglomerato più leggero.

Come pulire il piano di lavoro in pietra?

La pietra naturale è resistente a molti fattori esterni, comprese le macchie. Pertanto, che si tratti di un piano di lavoro in pietra sottoutilizzato in bagno o di un piano di lavoro in pietra di uso frequente in cucina, durerà per anni. Tuttavia, dovresti prestare la dovuta attenzione.

Lì puoi usare solo acqua per la manutenzione quotidiana del piano di lavoro in pietra.

Dopo ogni utilizzo, pulire con un panno morbido inumidito con acqua e quindi asciugare. In questo modo, ti libererai della maggior parte dello sporco.

Tuttavia, se la pietra sul piano di lavoro è contaminata, ad esempio, da grasso, è necessario lavarla con un detergente delicato come il sapone. Quando si puliscono i piani di lavoro in pietra, non si deve utilizzare spazzole o sostanze chimiche forti poiché graffieranno la superficie della pietra e ne cancelleranno il colore.

In caso di sporco ostinato, è meglio contattare un’impresa di pulizie professionale per trovare metodi di pulizia adeguati che rimuovono lo sporco senza distruggere la pietra.

Si consiglia inoltre di rinnovare l’impregnazione del piano di lavoro circa ogni 5-7 anni. Puoi farlo da solo adottando le misure appropriate, ma se temi di danneggiare il tuo piano di lavoro, è meglio contattare l’azienda che lo ha installato.

Colori di piani di lavori in pietra

La pietra giusta funzionerà ovunque: in cucina o in bagno. La pietra naturale è disponibile in molti colori diversi. I colori del granito più comuni sono ok: grigio, grigio chiaro, a volte quasi bianco, bianco-rosa, verde, rosso e grigio scuro. D’altra parte, a seconda del tipo, il porfido può essere bianco, grigio, verdastro, rossastro, brunastro, rosato, giallastro, marrone e persino nero.

Nel caso della pietra composita e dei conglomerati, il colore dipende solo dall’immaginazione, perché in fase di produzione è possibile aggiungere qualsiasi colorante di qualsiasi colore.