Ruota dei colori: come usare il cerchio cromatico per l’interior design
hackrea -

Ruota dei colori: come usare il cerchio cromatico per l’interior design

hackrea / Luglio 22, 2021 - visualizzazioni 96 - 0 mi piace

Il colore è una componente indispensabile di qualsiasi interno. Tuttavia, ancora più in generale, questo è parte integrante della nostra vita. Questo è l’umore, le emozioni e l’atteggiamento nei confronti del mondo che ci circonda. Ecco perché la scelta di una mazzetta per interni è spesso decisiva nella progettazione e nell’arredamento di una casa o di un appartamento.

Oggi siamo circondati da un numero considerevole di colori e tonalità. È difficile scegliere quelli adatti al tuo interno e armoniosamente combinati tra loro – se agisci “a occhio”. Tuttavia, i designer per molto tempo non lavorano così ad alta intensità energetica. Trovare gli abbinamenti cromatici perfetti, infatti, è estremamente facile se ci si lascia guidare dalla ruota dei colori, che da almeno mezzo secolo aiuta gli interior designer. Scopriamo cos’è la ruota dei colori, come è costruita e come usarla per trovare sfumature che possano comporre la mazzetta perfetta per i tuoi interni.

Concetto di ruota dei colori

Nel corso dei secoli, le persone hanno lavorato sulla possibilità di sistematizzare il colore… No, non solo designer e architetti, come potresti pensare, ma specialisti in altri campi: artisti, fisici e persino mistici. I primi tentativi furono fatti da Isaac Newton, che scompose il colore bianco dello spettro solare in sette colori e in seguito ne identificò tre principali: giallo, blu e rosso. Il resto si otteneva mescolando questi colori e quindi veniva chiamato secondario.

Successivamente questa esperienza è stata approfondita dall’artista svizzero Johannes Itten. Alla ricerca di un significato mistico nell’interazione tra colore e forma, scrisse il libro L’arte del colore, dove descriveva in dettaglio le proprietà di ciascun colore e identificava sette contrasti di colore. La sua teoria ha costituito la base del cerchio che porta il suo nome: il cerchio cromatico di Itten.

Probabilmente hai visto la ruota dei colori almeno una volta con i tuoi occhi poiché è utilizzata non solo da specialisti di interni, ma anche da stilisti e web designer e persino dai coloristi nei saloni di bellezza. Potresti anche essere sorpreso, ma è facile capire il principio della sua costruzione. Allora proviamo insieme.

Principio della ruota dei colori

Come hai già capito, tre colori diventano la base del cerchio: giallo, blu e rosso. Questi colori sono considerati puri perché non è possibile ottenerli mescolando altri colori. Ecco perché questi colori sono anche chiamati primari. Ora scopriamo cosa succede se li mescoli:

  • giallo con rosso – arancio;
  • rosso con blu – viola;
  • giallo con blu – verde.

Quindi, abbiamo ottenuto tre colori, che sono chiamati secondari. Ora proviamo a fondere i colori primari con quelli secondari posti uno accanto all’altro. Di conseguenza, otteniamo i seguenti colori:

  • rosso con arancio – rosso-arancio;
  • arancio con giallo – giallo-arancio;
  • verde con giallo – giallo-verde;
  • blu con verde – blu-verde;
  • viola con blu – blu-viola;
  • viola con rosso – rosso-violaceo, porpora.

Oltre ai tre colori primari e ai tre secondari, abbiamo sei colori terziari che formano un cerchio di dodici settori. Questo significa che in realtà ci sono solo dodici colori? Certamente no – e ora spiegheremo perché.

Come otteniamo più colori?

Secondo gli studi dello stesso Itten, le caratteristiche del colore sono influenzate non solo dalla lunghezza d’onda dello spettro a cui appartiene ma anche da diversi altri fattori – primo fra tutti:

  • temperatura del colore – ciò che chiamiamo tonalità fredde e calde;
  • saturazione del colore: l’intensità dell’esposizione al grigio, al nero e al bianco (toni saturi e sbiaditi);
  • profondità di tono – qui intendiamo luminosità e morbidezza.

Sulla base di questo nascono molte sfumature e transizioni tonali, che percepiamo in misura maggiore o minore. Procedendo da questo, i coloristi e i produttori di vernici spesso rendono la ruota dei colori più frazionaria, dividendola in sezioni più piccole e iscrivendo i nomi delle sfumature in ciascuna di esse: puoi farlo all’infinito.

Speriamo che tu capisca come funziona il cerchio cromatico. Ora scopriamo come possiamo usarlo quando scegliamo le tonalità per i nostri interni.

Ruota dei colori: interazioni e combinazioni di base

Quindi, come hai già capito, i colori sul cerchio di Itten sono disposti in una sequenza specifica con una giustificazione del tutto logica. Tuttavia, come scegli i colori di questo cerchio che interagiranno tra loro?

In effetti, tutto dipende da quali obiettivi vuoi raggiungere: creare un contrasto espressivo e ricco o un’atmosfera pacifica e calma. In ogni caso, il lavoro sulla ruota dei colori si basa su principi di opposizione e prossimità. Sulla base di questo, si distinguono cinque combinazioni di colori chiave.

Colori analoghi

Questo tipo include tavolozze basate su una combinazione di tre tonalità adiacenti nella ruota dei colori. In questo caso, l’intorno può significare sia un passo nell’azimut del cerchio sia un passo lungo il raggio. Diamo un’occhiata all’esempio del giallo.

Quindi, accanto al giallo sulla ruota dei colori ci sono il giallo-verde e il giallo-arancio. Se andiamo lungo il settore dal centro al bordo del cerchio, in questo modo possiamo raccogliere una tavolozza di toni più chiari (più vicini al centro) e più scuri (più vicini al bordo). Di conseguenza, otteniamo due possibili combinazioni: tre tonalità di giallo, una con il verde e l’altra con un sottotono arancione, o una triade di toni più scuri, chiari e gialli medi.

Le tavolozze monocromatiche sono considerate le più calme e sobrie. Questi sono quelli consigliati per l’uso in ambienti con un’atmosfera calmante e rilassante, principalmente nelle camerette dei bambini.

Colori complementari

Questi sono i colori che si trovano sulla ruota dei colori esattamente uno di fronte all’altro. Trovarli è molto semplice: basta tracciare una linea dal settore del colore che ti interessa esattamente attraverso il centro del cerchio. Ad esempio, il verde è complementare al rosso, il rosso-arancio al blu-verde e il giallo al blu-viola.

Avrai bisogno di tali combinazioni se vuoi creare un interno spettacolare ed espressivo. Tuttavia, non è auspicabile utilizzare colori complementari in proporzioni uguali: i colori si sopprimeranno a vicenda e creeranno un disturbo visivo non necessario. La soluzione ideale sarebbe quella di scegliere un colore come colore di base e il secondo come colore d’accento o sui singoli elementi dell’interno.

Triade di colori

Se non hai bisogno di contrasti netti, ma c’è il desiderio di usare combinazioni di colori espressive, la cosiddetta triade ti aiuterà a farlo correttamente: questo è il nome per tre colori con un contrasto sufficiente.

È abbastanza semplice trovare sfumature che saranno in armonia tra loro – per questo, è sufficiente sovrapporre un triangolo equilatero sulla ruota dei colori, e i vertici di questo triangolo saranno sui settori in cui ci sono i colori per il formazione di quella stessa triade.

Ad esempio, vogliamo creare una tavolozza interna basata sui toni del blu e dell’azzurro. Per fare ciò, imponiamo un triangolo equilatero con il suo apice sul settore blu – e vediamo che la triade con questi toni è formata da rosso e giallo. Usando le loro sfumature, ottieni una gamma di colori ragionevolmente satura e allo stesso tempo equilibrata.

Se desideri ammorbidire il contrasto, usa un triangolo isoscele con un angolo acuto: indicherà il colore primario, mentre gli altri due saranno secondari o di accento. Quindi, ad esempio, nel caso del rosso, queste saranno sfumature blu-verdi e giallo-verdi.

Tetrade di colori (tavolozza policroma)

Se senti la forza di usare più di tre toni, la cosiddetta tetrade di colori verrà in soccorso. La tetrade dei colori indicherà quattro tonalità o colori, uno dei quali dovrebbe essere reso principale, due aggiuntivi e uno in più per l’accento.

In questo caso, procedi come con la triade – solo sulla ruota dei colori imponiamo già un quadrato, i cui vertici degli angoli saranno nei settori corrispondenti. Ad esempio, nel caso del rosso, la tetrade sarà blu-viola, arancione-gialla e verde. Ciò renderà le due coppie di colori complementari, creando una combinazione di colori più espressiva.

Se hai bisogno di una combinazione più morbida ma non per questo meno efficace, prova a inscrivere non un quadrato ma un rettangolo nella ruota dei colori. In questo modo troverai coppie complementari molto più vicine tra loro nello spettro dei colori, e questo creerà una tavolozza varia e, allo stesso tempo, più calma.

Parlando di tutte queste combinazioni, non intendiamo affatto toni eccezionalmente luminosi e puliti. Puoi scegliere sia tonalità più chiare che pastello, così come tonalità più profonde e più scure, muovendoti all’interno di un settore colore. Quindi, quando scegli un tono blu, sono disponibili azzurro, blu scuro e denim classico. Tuttavia, tieni presente: le tonalità contrastanti abbinate ad esse devono essere equidistanti dal centro del cerchio. Altrimenti ci sarà dissonanza.

Colori neutri e acromatici

Potresti aver notato che non ci sono toni popolari come nero, bianco, grigio, marrone e beige sulla ruota dei colori. Questi colori non partecipano alla selezione della tavolozza per gli interni? Al contrario, il loro ruolo è cruciale. Tuttavia, a causa di alcune peculiarità, questi colori sono collocati in due gruppi separati: acromatici e neutri. Parliamo di loro in modo più dettagliato.

Colori acromatici

Tutti i colori del cerchio di Itten che abbiamo elencato appartengono alla cosiddetta tavolozza cromatica, ovvero i colori dello spettro arcobaleno che percepiamo. Tuttavia, alcuni non hanno la cosiddetta cromaticità e sfumature e possono essere valutati solo dalla leggerezza. Questi colori sono chiamati acromatici o, tradotto approssimativamente dal greco, “incolore”. Probabilmente hai già indovinato cosa appartiene a questa categoria: questi sono nero, bianco e grigio.

I colori acromatici non possono esistere separatamente dai colori cromatici. In primo luogo, questi colori creano anche combinazioni molto rilevanti con loro e, in secondo luogo, i colori acromatici partecipano direttamente alla formazione di varie sfumature all’interno della ruota dei colori.

Quindi, il grigio acromatico, il bianco e il nero influiscono su parametri di colore così importanti come luminosità, saturazione e luminosità. Quindi, il grigio può rendere un colore più o meno saturo: più lo aggiungiamo, più l’ombra risulterà liscia (se il rapporto con il grigio si avvicina al 50%, il nostro occhio percepirà qualsiasi colore come una sfumatura di grigio). L’aggiunta del nero può rendere il colore più scuro o più luminoso, ma il bianco può modificarne la luminosità fino ad ottenere sfumature pastello.

Tutti e tre i colori acromatici vengono utilizzati attivamente nelle tavolozze interne e possono fungere da principali. In questo caso, i colori complementari ad essi vengono selezionati secondo il principio di complementarità o da una tavolozza analogica.

Tonalità neutre

Nell’arredamento, i colori acromatici rientrano nella cosiddetta tavolozza neutra, poiché nero, grigio e bianco diventano uno sfondo eccellente per accenti cromatici, nonché vari tipi di trame e arredi. Tuttavia, se parliamo di neutralità, allora non possiamo citare i colori più espressivi, ovvero quelli legati alla gamma marrone-beige. Tra loro:

  • toni marroni;
  • sfumature beige e crema;
  • tavolozza di sabbia.

Tutti sono formati da colori giallo e rosso, più-meno diluiti con bianco, grigio o nero. Tuttavia, questi colori sono dotati di caratteristiche come saturazione e luminosità. Nonostante ciò, tutti hanno uno stato d’animo calmo e pacificante e possono diventare sia la base per qualsiasi interno che fungere da accento.

Negli interni moderni (come, del resto, in quelli classici), i colori neutri e acromatici di solito fungono da colori di base. In questo caso, la ruota dei colori ti aiuterà a scegliere i colori di accento e complementari. Ne parleremo ora.

Selezione della tavolozza dalla ruota dei colori: algoritmo

Per creare un interno equilibrato nei colori e piacevole alla vista, i designer consigliano di procedere nella seguente sequenza:

  • Scegli un colore di base. È il colore di base che dominerà, e quindi la decisione su di esso deve essere presa con attenzione. Se è qualcosa di una tavolozza neutra, sarà molto più facile per te portare a un denominatore comune non solo gli accenti, ma anche i colori delle pareti, del soffitto e del pavimento.
  • Decidi il tuo colore di accento principale. Puoi iniziare con il colore amato o andare in modo leggermente diverso: fai un elenco di mobili e oggetti decorativi che vorresti vedere nella stanza e determina quale colore d’accento sarà un compromesso.
  • Scegli toni di accento complementari. Questo è esattamente ciò per cui viene utilizzata la ruota dei colori. Che si tratti di una triade o di una tavolozza monocromatica, devi decidere da solo in base allo stile di arredamento. In termini di quantità, tre è di solito il numero massimo.
  • Distribuisci uniformemente i colori d’accento in tutta la stanza. Tessuti, accessori: tutto dovrebbe creare un’unica immagine, in cui sono coinvolte tutte le aree della stanza.

Certo, puoi provare a sperimentare e creare i tuoi interni basandoti principalmente sulla ruota dei colori. Questa opzione è abbastanza accettabile, la cosa più importante: non dimenticare che devi mantenere le proporzioni dei colori e in questo caso non possono esserci due dominanti.

Selezione di una tavolozza per l’interno: possibili errori

Anche i designer esperti non sono immuni da errori nella selezione dei colori. Ti salveremo dagli errori più gravi: assicurati di tenerli a mente quando cerchi le soluzioni cromatiche perfette per il tuo appartamento:

  • Base troppo bianca o troppo nera. I commenti sono superflui qui: quasi nessuno vuole trascorrere serate all’interno di un ospedale o di un’immagine ripresa dal film “La famiglia Addams”.
  • Troppa base e poche macchie. È noioso, monotono e si annoia rapidamente. Non privarti delle piccole gioie che il colore promette: la ruota dei colori ti aiuterà a posizionare correttamente gli accenti.
  • Illuminazione. Le tonalità complesse hanno un aspetto diverso alla luce del giorno e alla luce artificiale. Assicurati che ti piaccia il colore al tramonto e alla luce del lampadario.
  • Ci sono troppi contrasti. Ti ricordiamo che puoi utilizzare non più di tre colori contrastanti. Qualsiasi altra cosa può portare a increspature negli occhi e persino mal di testa – non lo vuoi?!