Stili di arredamento di tendenza nel 2021-2022
hackrea -

Stili di arredamento di tendenza nel 2021-2022

hackrea / Novembre 12, 2021 - visualizzazioni 397 - 0 mi piace

Se il prossimo anno hai intenzione di ristrutturare una nuova casa o appartamento, o se intendi aggiornare un ambiente che ti è diventato familiare, probabilmente stai già cercando soluzioni adeguate, o almeno ci stai pensando. È impossibile non prestare attenzione alle tendenze dell’interior design quando si vuole rendere perfetti i propri interni. Allo stesso tempo, i designer consigliano di non iniziare con mobili o decorazioni, ma decidere uno stile.

Abbiamo già più volte detto che l’accuratezza stilistica negli ultimi due anni ha cessato di essere qualcosa di obbligatorio e viene alla ribalta un discreto mix di tecniche e soluzioni, mutuate da direzioni diverse. Tuttavia, hai bisogno di alcune basi per questo mix, in base al quale crei il design dei tuoi sogni. Ecco perché è necessario scegliere la cosiddetta base di stile. Pertanto, è tempo di parlare di opzioni di tendenza per arredare la tua casa.

Oggi i designer hanno delineato una particolare divisione tra stili che sono già saldamente inscritti nell’enciclopedia dell’arredamento e sono diventati una sorta di classico. Tali tendenze sono note anche a coloro che non sono molto interessati al design degli interni: sono gli stessi classico, moderno, contemporaneo, art déco e minimalismo. Tuttavia, ci sono stili che sono emersi relativamente di recente sotto l’influenza di altre direzioni o non godono di una popolarità stabile e di tanto in tanto entrano nella lista dei risultati delle tendenze attuali.

Tuttavia, questo non significa che l’arredamento in nessuno di essi cesserà rapidamente di essere alla moda. Al contrario, sono proprio tali direzioni che consentono di mostrare pienamente l’individualità ed evitare la situazione “come tutti gli altri”. Le tendenze per il 2022 presentano già almeno cinque stili che non sono troppo popolari, ma meritano la massima attenzione.

Ecologico

La vicinanza alla natura è considerata un lusso dagli abitanti delle grandi città. Il 2022 è il momento giusto per permettersi un interno così “lussuoso”. Abbiamo tutti bisogno di relax, naturalezza e freschezza nella prossima stagione, e lo stile ecologico può fornire pienamente tutto questo. La cosa più importante è aderire ai seguenti principi:

  • Spazio libero massimo. La natura non tollera alcuna restrizione e barriera – gli spazi aperti e combinati e l’assenza di porte aiuteranno a ricreare questa sensazione di estrema leggerezza al limite della natura. Se non puoi fare a meno della suddivisione in zone, scegli le pareti scorrevoli in vetro e gli affascinanti paraventi giapponesi.
  • Toni naturali. La tavolozza ideale per l’eco è quella creata dalla natura stessa. Le sfumature di terra, sabbia, vegetazione e acqua rimangono un must per il design e la decorazione di tali interni.
  • Materiali naturali. I fan di Eco rifiutano la plastica e tutto ciò che è correlato ad essa. Legno, pietra, vetro, cotone e lino creano un’atmosfera incredibilmente armoniosa e salutare. Inoltre, non dimenticare le piante viventi, utilizzate al massimo in tutte le stanze in uno stile simile.
  • Un approccio insolito all’illuminazione. Più luce, meglio è per lo stile ecologico. Contemporaneamente, per l’illuminazione artificiale, vengono utilizzate le lampade più semplici, oltre a sistemi di illuminazione nascosti. Le lampade fito sono particolarmente organiche in un ambiente simile.

Una nuova tendenza per il eco-design nel 2022 sono le moderne tecnologie di risparmio energetico che creano un microclima individuale. Ionizzatori, umidificatori e sistemi per la casa intelligente creano una nuova generazione di stile.

Industriale

Lo stile industriale degli interni può essere definito il “fratello” di una tendenza così popolare oggi come il loft. Inoltre ha avuto origine nei primi anni del XX secolo e deriva anche dall’ambiente residenziale creato in edifici industriali convertiti in appartamenti. Tuttavia, l’industrial ha ancora le sue caratteristiche distintive che gli conferiscono un fascino aspro:

  • Accento sul metallo. Proprio come in un loft, gli elementi in metallo sono per lo più richiesti in un ambiente in stile industriale. Tuttavia, se il loft gravita ancora maggiormente verso il vetro e il legno, allora c’è molto più ferro, acciaio, stagno e alluminio: non è per niente che i designer definiscono lo stile industriale un’illusione del passato industriale.
  • Rigore. Industriale e loft condividono l’amore per i mattoni grezzi e l’intonaco. Tuttavia, il primo utilizza trame di cemento molto più spesso, sia con materiali naturali che con imitazioni come il gres porcellanato di grande formato con questa texture alla moda.
  • Palette quasi neutre. A questo proposito, lo stile industriale è spesso paragonato allo stile urbano, che è caratterizzato dalla combinazione di colori delle grandi città – e questo è un colore di sfondo grigio combinato con bianco fumo, beige e kaki. Allo stesso tempo, gli accenti luminosi non sono solo accettabili ma anche accolti calorosamente.
  • Flessibilità in termini di arredo. Divani, poltrone e tavoli sia classici che minimalisti si adattano facilmente alla decorazione industriale – tuttavia, nel primo caso, dovrai abbandonare l’arredamento pretenzioso e lussureggiante.

Dopo aver letto tutto questo, non dovresti considerare lo stile industriale troppo evirato e scomodo. Decorazioni rilevanti per lo stile industriale, comprese varie installazioni, frammenti di insegne e cartelloni pubblicitari, graffiti, lampade in stile street e un vasto numero di oggetti fatti a mano, creeranno interni eleganti con una personalità unica.

Japandi

Japandi è uno degli stili più recenti, che unisce le caratteristiche essenziali delle tendenze del design giapponese e scandinavo. La combinazione di laconismo e naturalezza della voglia scandi e orientale di tonalità calde, armonia e assenza di tutto ciò che è superfluo ha permesso di formulare un concetto di stile con i seguenti principi:

  • Texture naturali. Prima di tutto, questi sono legno, pietra, cemento e tessuti. Il minimo rilievo, la lucidatura senza lucentezza e le sfumature sottili creano uno spazio incredibilmente atmosferico.
  • Funzionalità. A questo proposito, è stato lo stile giapponese a prevalere – e quindi, Japandi prevede l’uso minimo delle cose, ognuna delle quali è al suo posto e ha uno scopo specifico.
  • Linee e forme semplici e precise. Possono essere dritti, arrotondati o angolari, ma senza curve, riccioli e zigzag non necessari.
  • Mobili bassi. Sedie basse, pouf, divani, poltrone e tavoli aprono una nuova sfaccettatura del comfort e un nuovo aspetto degli interni domestici.
  • Palette naturale. Tonalità discrete che si avvicinano il più possibile al neutro e naturale creano uno spazio accogliente e rilassante.
  • Un minimo di arredamento. La combinazione di due direzioni minimaliste implica un approccio appropriato alla decorazione: la predominanza di piante viventi e l’uso di non più di 3-4 elementi per conferire individualità all’ambiente.

Vintage

Il 2021 è stato un momento di cambiamenti gravi e poco piacevoli per tutti noi. Più naturale diventava il desiderio generale di qualcosa di stabile e irremovibile, il desiderio di ricordare com’era “allora, in passato”. Non a caso, il concetto vintage, sviluppato dal designer americano Patrick Willis negli anni ’90 del XX secolo, è diventato così richiesto.

I principi dello stile vintage per interni di tendenza nel 2022 affascinano con grazia e calore, che possono essere raggiunti utilizzando le seguenti tecniche e soluzioni:

  • Massima luminosità e naturalezza. Il vintage non accetta nulla di cupo né nell’arredamento né nel rivestimento: soffitti imbiancati e pareti intonacate, carta da parati classica e pavimenti in legno, forse con un effetto invecchiato, forniranno un fascino così essenziale dell’antichità.
  • Toni scuri affascinanti. La base per gli interni vintage sono le gradazioni morbide di bianco, beige e crema, verde chiaro e rosa pallido, azzurro e marrone chiaro.
  • Mobili “d’altri tempi”. Il design dei mobili per interni vintage è più vicino ai classici tradizionali inglesi e Provenza francese. Tuttavia, una condizione deve essere osservata: ciascuno degli articoli che scegli deve apparire antico – questo è garantito da graffi, patina e crepe sugli elementi in legno, oltre che attenuati, come i toni sbiaditi dei rivestimenti dei mobili.
  • Un’abbondanza di tessuti. Vintage è tende voluminose con balze e tappeti in tonalità pastello, cuscini e copriletti, coprisedili e paralumi in tessuto con smerli e frange. Questo è ciò di cui hai bisogno per un interno in cui ti senti a tuo agio e al sicuro. E non dimenticare la piccola stampa floreale: senza di essa può rimanere una sensazione di eufemismo.
  • Piccole cose adorabili. L’anima dello stile sono piatti di porcellana e orologi antichi, scatole intagliate e bambole di pezza fatte a mano, candelabri originali e statuette di rame, tovaglioli intagliati e foto bianche e nere in cornici. Tutto ciò ti permetterà di sentire una forte connessione con il passato e dimostrare un desiderio di indipendenza e creatività.

Massimalismo

Tutti sanno cos’è il minimalismo. E molte persone trovano il suo concetto molto, molto attraente. Tuttavia, oggi ci sono sempre più proprietari di case e appartamenti per i quali la semplicità delle linee e i toni neutri sembrano noiosi e impersonali. Stanchi di un estremo, si precipitano verso l’altro: è così che è apparso il massimalismo.

Dal nome di questo stile, è chiaro che implica l’idea di “molte cose” – tuttavia, “tutto” è attentamente pensato e selezionato con gusto e immaginazione. I principi fondamentali del massimalismo sono:

  • Spazio libero minimo. Il massimalismo non tollera il vuoto e si lascia circondare da tutto ciò che piace. Cuscini su divani, poltrone e pavimenti, sedie, banchetti e tavoli d’accento, specchi abbinati a quadri alle pareti sono solo alcune tecniche per creare un senso di presenza.
  • Colori luminosi e saturi. Il colore governa questo stile – e nella versione più animata. I toni succosi e puliti di mobili e accessori e forti accenti di colore su uno sfondo chiaro rendono il soggiorno in queste stanze una vacanza permanente.
  • Wall art creativa. Le pareti dipinte non sono per il massimalismo. Toni spettacolari, carte da parati a motivi geometrici, pannelli esclusivi, specchi e bassorilievi eviteranno la noia e creeranno un ritmo eccezionale.
  • Mobili spettacolari. Gli arredi in questo stile combinano edonismo fisico e visivo. Poltrone, divani, banchetti e pouf grandi, luminosi, decorati ma eleganti e incredibilmente comodi si abbinano bene con tavoli da pranzo intagliati e tavoli in vetro con accento bizzarro.
  • Decoro eclettico. Semplicemente non ci sono restrizioni sulla selezione di elementi decorativi. Tappeti, tende, bellissimi vasi per piante, statuette, cornici per foto: più cose piacevoli nel tuo campo visivo, meglio è!

Dovresti essere consapevole che devi essere estremamente attento con il massimalismo – se non sei sicuro di poter evitare il sovraccarico visivo e il “disordine”, dovresti invitare un designer. Tuttavia, se ti manca la luminosità, una varietà di forme e graziosi aggeggi nell’ambiente, non ti pentirai di questa scelta!

Stili di interior design popolari nel 2022: conclusioni + galleria fotografica

Forse ti sono piaciuti alcuni di questi stili e sono diventati una fonte di ispirazione per nuovi restauri e decorazioni. Non aver paura di sperimentare per te nuovi stili: in questo modo sarai sicuro che i tuoi interni saranno unici.